Project Details


  • Importo: € 410.000,00
  • Superficie: 8786 mq
  • Località: Palermo
  • Committente: Generali Real Estate S.p.A.
  • Progettazione, Direzione Lavori e Sicurezza

ADEGUAMENTO ALLA NORMATIVA DI PREVENZIONE INCENDI (ATTIVITA’ UFFICI) DELL’IMMOBILE DI VIALE DEL FANTE A PALERMO


<p>La sede della Direzione Regionale Sicilia dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL) è situata in un edificio multipiano a destinazione mista, di notevole altezza. Gli uffici oggetto di intervento occupano i primi sei livelli dell’edificio. Gli altri piani in elevazione sono destinati a civile abitazione mentre al piano seminterrato si trovano gli archivi, i locali tecnici e due autorimesse. La progettazione ha riguardato il complesso adeguamento delle strutture e degli impianti alla vigente normativa di prevenzione incendi per l’attività uffici. L’intervento è alquanto complesso dal punto di vista esecutivo in quanto i lavori vanno eseguiti garantendo la piena operatività degli uffici.</p>

Interventi di compartimentazione antincendio

Gli interventi di compartimentazione antincendio hanno riguardato: <ul> <li>separazione della porzione di edificio destinata ad uffici sia da quella destinata a civile abitazione che dal piano seminterrato con altre destinazioni;</li> <li>suddivisione dell’attività in compartimenti di superficie inferiore a 6.000 mq;</li> <li>compartimentazione della attività accessorie (archivi e depositi di piano).</li> </ul>


Progetto dei compartimenti antincendio
Varchi tecnici da trattare
Varchi tecnici da trattare

<p>La porzione di edificio destinata ad uffici è stata compartimentata sia rispetto al piano seminterrato, sia rispetto alla rimanente parte in elevazione dell’edificio destinata a civile abitazione. Inoltre, gli uffici sono stati suddivisi in più  compartimenti antincendio di superficie non eccedente 6.000 mq, come richiesto dalla normativa vigente. Oltre alle due scale principali protette dell’edificio, sono stati individuati tre compartimenti antincendio multipiano: l’ala Est, l’ala Ovest e la parte centrale. La creazione di detti compartimenti ha richiesto l’installazione di quattro porte tagliafuoco nell’atrio di ciascun piano, dal primo al sesto. Particolare attenzione è stata prestata a tutti i varchi di comunicazione tra i compartimenti suddetti. I varchi tecnici, strutturali o di comunicazione, sono stati trattati (mediante interventi di chiusura o protezione) per adeguarne la resistenza al fuoco a quella dell’elemento di compartimentazione interessato. A tal proposito, sono risultati rilevanti i varchi impiantistici da trattare in corrispondenza del solaio di separazione rispetto al piano seminterrato, per la presenza di numerose tubazioni dell’impianto di climatizzazione a ventilconvettori (applicazione di collari antincendio). In corrispondenza dello stesso solaio è stato necessario trattare un giunto di dilatazione, mediante l’applicazione di un materassino intumescente, e numerosi cavedi elettrici verticali, mediante l’applicazione di cuscini intumescenti.</p> <p>Infine, è stato necessario compartimentare i numerosi locali accessori presenti ai piani uffici (archivi e depositi), secondo quanto richiesto dalla normativa vigente.</p> <p>Gli interventi di riqualificazione delle pareti in laterizio forato esistenti, fino al raggiungimento delle caratteristiche di resistenza al fuoco richieste, è stato effettuato mediante l’applicazione di lastre protettive in silicato di calcio a matrice minerale idrata di idoneo spessore. Nel caso di strutture portanti in acciaio si è avuto cura di assicurare la resistenza al fuoco richiesta dalla normativa mediante l’applicazione di vernice intumescente.</p>

Adeguamento delle vie di esodo

Gli interventi di adeguamento delle vie di esodo hanno riguardato: <ul> <li>riconfigurazione ed adeguamento della larghezza di tutte le uscite di piano sulla scala Ovest (1,20 m);</li> <li>adeguamento della larghezza degli accessi dal piano terra alle scale Est ed Ovest (1,20 m);</li> <li>riconfigurazione delle due uscite sul lato Sud dell’atrio di ciascun piano.</li> </ul>


Uscita di piano scala Ovest
Accesso scala dal piano terra da allargare
Uscite sull’atrio da riconfigurare

<p>Le porte di accesso alla scala Ovest, per ciascun piano in elevazione, sono state riconfigurate ed allargate. Le porte esistenti, infatti, oltre a non avere la larghezza richiesta dalla normativa (1,20 m) si aprivano verso il pianerottolo scala causando un pericoloso intralcio all’esodo degli occupanti l’immobile verso il piano terra. L’intervento in progetto, pertanto, ha previsto un arretramento dei vani porta in direzione dell’atrio di piano.<br />I due vani porta di accesso alle scale protette dal piano terra sono state allargate ad 1,20 m, secondo quanto previsto dalla normativa vigente. <br />A tutti i piani in elevazione è stato effettuato un intervento di riconfigurazione delle due uscite dai compartimenti Est ed Ovest verso la zona Sud dell’atrio. L’intervento ha riguardato l’arretramento dei vani porta in direzione dei compartimenti, per consentire l’apertura delle porte nel verso dell’esodo senza arrecare intralcio agli ascensori.</p>

Interventi sugli impianti

<p>Gli interventi impiantistici hanno riguardato i seguenti aspetti:</p> <ul> <li>Impianto di rivelazione incendi;</li> <li>Impianto di diffusione sonora di emergenza;</li> <li>Interventi sugli impianti  di condizionamento e trattamento aria.</li> </ul>


Schema di suddivisione in zone dei locali sorvegliati dall’impianto di rivelazione incendi in conformità alla norma UN I9795
Schema funzionale impianto di diffusione di emergenza
Centrale di rivelazione incendi esistente da sostituire

<p>In sostituzione dell’impianto di rivelazione incendi esistente, ormai obsoleto, è stato progettato un nuovo impianto di rivelazione incendi, destinato alla generazione e trasmissione di allarmi mediante dispositivi elettrici ed elettronici in risposta a principi di incendio. </p> <p>In conformità alle normative vigenti, è stato progettato un sistema di diffusione sonora di base, a scopo informativo e di emergenza, in conformità alle norme UNI ISO 7240-19, EN 54-16 e EN 54-4.</p> <p>Per gli impianti di condizionamento e di trattamento d’aria a servizio dei locali sono stati progettati opportuni interventi al fine di garantire la non propagazione degli incendi tra i vari compartimenti, nonché il loro asservimento all’impianto di rivelazione incendi.</p>